Realizzazione Ecommerce

Siti, portali web e-commerce

e-commerceOgni azienda, sia essa una semplice azienda individuale un grosso gruppo o una multinazionale, si imposta di raggiugere tre obiettivi:

  • Acquisire nuovi clienti
  • Fidelizzare i Clientiin essere
  • Rafforzare il proprio Brand

Che poi ci riesca o meno, lo si deve alla sua capacità culturale imprenditoriale e alla portata finanziaria ed economica di perseguire gli obiettivi prefissati.

Internet è ideale e consente di perseguire questi tre obiettivi!

Vediamo come!

Ad esempio, per acquisire nuovi clienti, pensiamo al POSIZIONAMENTO nei motori di ricerca, per fidelizzare i Clienti in essere utilizziamo tutte le attività di Web Marketing per relazionarsi costantemente con il mercato di modo da stuzzicarlo ponendoci sempre come punto di riferimento e poi rafforzare il Brand aziendale tramite una visibilità costante e continua.

Ma tutto questo prevede la costruzione di un Sito Web.

Non è nostro compito formulare un corso tecnico di come costruire un Sito Web, pertanto eviteremo di elencare le solite informazioni che si trovano ovunque, ma quello di indicare che esistono software che consentono di costruire pagine già ottimizzate per i motori di Ricerca.

Sto parlando infatti del software CMS.

Il CMS è l’acronimo di “Content Management System”, gestore di contenuti dei siti web. Attraverso questo software è possibile creare e gestire pagine web senza avere conoscenza di programmazione HTML, ottimizzando gli URL delle pagine per i Motori di Ricerca.

Le Aziende spesso hanno bisogno di essere autonome nel redigere ed elaborare nuove sezioni e nuove pagine di informazioni ed offerte. Spesso non possono rimanere vincolate dalle tempistiche di qualche tecnico che ci impiega troppo tempo per elaborare una pagina in codice, pertanto emerge loro la necessità, se non l’urgenza, di costruirsi le pagine web da sole.

Bene! Questo lo si può fare con un CMS dinamico, che consente di inserire in assoluta autonomia contenuti, informazioni ed immagini nel modo e nella forma voluta, grazie ad un editor semplice da usare come un file Word, gestendo Font, Colori, Stili e Link ipertestuali.

Nel Mercato sono disponibili CMS anche Open Source.

Spendiamo però due parole su cosa significa Open Source e quali possono essere i vantaggi e gli eventuali svantaggi di utilizzare questa tipologia di piattaforme e software.

L’ Open Source è un software concesso, a chi ne voglia fare uso, con una licenza libera.  Ma facciamo attenzione in quanto non dobbiamo confondere il concetto di utilizzo libero di un software da un utilizzo gratuito.

Utilizzare liberamente un software significa poter accedere e modificare il codice sorgente e quindi poter interagire con esso eventualmente migliorandolo.

Invece utilizzare un software gratuito significa usarlo ma non modificarne il codice anche se in sola personalizzazione. Spesso in quest’ultima condizione il codice sorgente non è accessibile.

L’Open Source è quindi un software libero.

Gli autori dell’Open Source, consentono lo studio ed eventuali modifiche al software permettendo ad altri programmatori di costruire nuove funzionalità aggiungendo ed implementando nuovi pezzi di codice al programma.

Queste integrazioni tra programmatori diversi, ognuno attento a dinamiche diverse, in molte condizioni portano molto valore aggiunto alla qualità del software.

Pensiamo ad esempio ad alcuni open source quali Firefox, Openoffice, Gimp, WordPress, Joomla , etc…

Il grande vantaggio è che spesso non costa nulla utilizzarlo, sempre concesso che siamo nelle condizioni di installarlo e di personalizzarlo per la nostra azienda. Certo è che poter utilizzare software a costo zero può significare ad esempio di essere già operativi in funzionalità che in condizioni normali sarebbero state impossibili da gestire.

Ma cosa succede se quel software Open Source non dovesse corrispondere esattamente alle funzionalità che ci servono? Cosa dovremmo fare se avessimo necessità di modificare parte del codice adattando funzioni alle nostre logiche imprenditoriali?

Prima di tutto, dovremmo essere noi stessi programmatori o perlomeno appoggiarci a qualche programmatore della nostra azienda. Già e in questo caso il costo non sarebbe assolutamente nullo.

Non è detto poi che ogni programmatore sia in grado di metterci mano, perché modificare il codice significa capire e sapere dove intervenire.

In questi casi, proprio per controllare i costi e le tempistiche di implementazione di un software potrebbe essere interessante attivarne uno non Open Source , fornito da qualche azienda specializzata, che consenta di affidarsi alla sua installazione, formazione, assistenza ed eventuale manutenzione.

A voi la scelta!